Approfondimenti

Crisi giornali di carta ed edicole: avanza anche nel 2021 e si fa sentire anche a Cremona

Il 2021 certifica una ulteriore crisi della carta stampata e di conseguenza anche delle edicole, in tutta Italia e anche a Cremona. Per prima cosa, un po' di numeri. Per quanto riguarda i giornali, la nostra fonte è ADS - Accertamenti Diffusione Stampa (adsnotizie.it). E' una agenzia che pubblica da decenni i dati di vendita e tiratura dei giornali di carta certificati e dichiarati dagli stessi editori. Mettiamo a confronto un dato recente e un dato risalente al 2011: confrontiamo infatti le copie vendute in media nel mese di settembre, nel 2011 e nel 2021, giornalmente, per permettervi di apprezzare il vero e proprio tracollo della vendita dei giornali di carta. Ecco i dati (prendiamo come riferimento giornali nazionali di vario orientamento politico, settoriali come quelli economici, sportivi, il giornale locale: sono esempi, ma se cercate nel database del sito di Ads di cui abbiamo pubblicato il link, dove si possono consutare tantissimi dati gratuitamente, la crisi riguarda davvero tutti, è il mezzo carta che non funziona più):

REPUBBLICA

SETTEMBRE 2011

401353 copie vendute

SETTEMBRE 2021

152328 copie vendute

CORRIERE DELLA SERA

SETTEMBRE 2011

418095 copie vendute

SETTEMBRE 2021

233408 copie vendute

SOLE 24 ORE

SETTEMBRE 2011

173486 copie vendute

SETTEMBRE 2021

100185 copie vendute

LIBERO

SETTEMBRE 2011

99113 copie vendute

SETTEMBRE 2021

21926 copie vendute

GAZZETTA DELLA SPORT

SETTEMBRE 2011

287886 copie vendute

SETTEMBRE 2021

102237 copie vendute

LA PROVINCIA DI CREMONA

SETTEMBRE 2011

17771 copie vendute

SETTEMBRE 2021

11712 copie vendute

Da cosa dipende questo calo? Semplice, i giovani non leggono i giornali di carta. Mettetevi davanti a una edicola: il giornale lo comprano solo persone over 40 o quasi (qualche eccezione c'è sempre, ma le statistiche in materia sono chiarissime). Per ora reggono grazie alla popolazione più anziana, ma è gioco forza che, piaccia o non piaccia, arriverà il momento della fine: la domanda non è più se ma quando (ci sbilanciamo, una ventina d'anni). Il crollo, infatti, non è "fermo" ma "dinamico": ogni anno si vende meno del precedente e andrà sempre peggio, ormai è così dagli anni novanta. Alla fine esisteranno solo i giornali on line (anche le stesse testate cartacce possono andare avanti, beninteso, ma lo faranno solo nella versione on line). Non è ancora chiaro con quale modello imprenditoriale (nessuno sembra avere la formulazione vincente in tasca), ma questo è il futuro, comunque lo si possa valutare.

Collegata c'è la crisi delle edicole: una ventina d'anni fa erano oltre 40000 in tutta Italia, ora meno di 15000. A Cremona si sente eccome. Negli anni hanno chiuso 6 edicole fra città e dintorni e ora chiuderà (pensionamento del titolare) l'edicola di via Orti Romani. La realtà è che non c'è un futuro per questo tipo di attività: chi ne è titolare deve lottare per andare avanti, cercando di giungere alla pensione, iniziare ora sarebbe davvero senza prospettive (e lo diciamo col massimo rispetto degli edicolanti che fanno un lavoro duro e con orari difficili, ma questa è semplicemente la verità oggettiva). 

Il cambiamento è netto, resta da vedere come sarà il futuro.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy