Approfondimenti

Elezioni comunali in arrivo: uno sguardo a come è andata le altre volte (e un dato: 17000 voti)

Il 2024 riporterà a Cremona le elezioni amministrative. Ancora non è dato sapere chi saranno i candidati: il sindaco uscente Galimberti ha concluso il suo mandato e tornerà a fare il professore all'Aselli, di certo non può ricandidarsi dopo due tornate consecutive da sindaco (lo dice la legge). Per il centrosinistra circola il nome di Andrea Virgilio, attuale vicesindaco, quale possibile candidato. Per il centrodestra Marcello Ventura, consigliere regionale e coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, ha espressamente indicato la volontà di cercare un candidato della società civile. 

Ma come era andata nelle precedenti tornate? Il centrosinistra ha uno storico largamente positivo. Dalla nascita della Seconda Repubblica ha vinto 5 volte su 6: due volte Bodini, una volta Corada, due volte Galimberti. Solo Perri è riuscito a rompere "l'assedio" per il centrodestra. Le ultime tornate poi ci danno un dato di riferimento per capire quale potrebbe essere la situazione. Questi sono i risultati dei ballottaggi 2009-2014-2019:

2009 2014 2019
CENTROSINISTRA 17372 VOTI GIANCARLO CORADA 17300 VOTI GIANLUCA GALIMBERTI 17245 VOTI GIANLUCA GALIMBERTI
CENTRODESTRA 18454 VOTI ORESTE PERRI  13422 VOTI ORESTE PERRI 13580 VOTI CARLO MALVEZZI

Il centrosinistra come vedete ha incassato sempre gli stessi voti: intorno ai 17300. C'è uno zoccolo duro che sostiene l'attuale maggioranza, fatica ad allargare la base ma non perde praticamente nulla di mandato in mandato. Il centrodestra ha oscillato molto di più e per vincere ha dovuto superare i 18000 voti. 

Non è detto che la situazione si ripeta identica anche stavolta, ma il centrodestra per strappare l'amministrazione al centrosinistra deve puntare ad almeno 17000 voti (forse qualcosa in più), cercando di attrarre votanti nuovi rispetto all'ultima volta. Il centrosinistra potrebbe accontentarsi di ripetere i numeri dell'ultima volta e avrebbe buone chances di vittoria. Diciamo che chi riesce a superare quota 17000 entra nella fascia dove si vince (considerando anche l'astensionismo in costante aumento).

Tradotto: il centrosinistra deve convincere chi lo ha votato nelle ultime tornate a votarlo ancora (e sarebbe già a buon punto riuscendo a conservare questi elettori nella sua area), il centrodestra deve cercare di andare a pescare fra astenuti-indecisi-delusi dell'attuale amministrazione, deve per dirla in termini calcistici "attaccare", non può giocare in difesa accontentandosi di quella che è la sua base storica.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy