Cronaca

Firmato il protocollo per la ripartenza della scuola: ecco cosa dice (ma quanti dubbi sull'attuabilità)

Il ministro competente Lucia Azzolina e i sindacati hanno finalmente firmato l'accordo sul protocollo per il rientro a scuola fissando le regole generali, una notizia attesissima dopo mesi ricchi di annunci ma anche di moltissima confusione. Questo è un protocollo-quadro che all'atto pratico dovrà essere implementato dalle decisioni locali delle singole scuole. Tradotto in parole povere, sono regole generali ma poi ogni scuola avrà le sue soluzioni pratiche per applicarle. Vediamo i punti principali:

1) Dal 24 agosto sarà attivo un numero verde (800903080, attivo lunedì-sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18) per farsi spiegare le cose

2) Sono previsti tavoli nazionali e territoriali per monitorare la situazione scuola per scuola

3) Sarà previsto un sostegno psicologico e medico per gli studenti

4) Si cercherà di ridurre le classi pollaio

5) Si vuole garantire la continuità didattica specialmente per quanto riguarda la didattica di sostegno

6) Sono previste quasi 85000 immissioni in ruolo più altri 10000 posti per il personale Ata

7) Prima del ritorno a scuola sono previsti test sierologici per professori e personale scolastico: sono test gratuiti e presso il personale medico di base ma saranno test volontari

8) Si attende una ordinanza del ministero della Salute sulla gestione dei casi di positività

9) Saranno previsti ingressi e uscite scaglionati e a orario differenziato

10) Bisognerà rispettare il distanziamento di un metro in classi, corridoi, mense, sale professori

11) Sarà richiesta una pulizia continua, accurata e rigorosa degli ambienti, le finestre dovranno essere mantenute aperte più possibile per ventilare gli ambienti

12) Le mascherine saranno obbligatori per personale scolastico e accompagnatori dei ragazzi

13) Per gli studenti solo a fine agosto si deciderà se imporre o meno la mascherina

14) Una sola persona potrà accompagnare i ragazzi

15) Chi ha la febbre superiore a 37,5 gradi è tenuto a restare a casa obbligatoriamente

La nostra impressione? Sappiamo che la situazione è complessa e difficile ma ci pare che ci sia ancora molta confusione e soprattutto molte norme ci sembrano inattuabili (ma secondo voi i ragazzi rispetteranno il distanziamento di un metro?)

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy