Cronaca

La comunicazione "giovane" scelta dal Ponchielli: portare la musica e la bellezza dove non te l'aspetti...

Il Festival Monteverdi 2021 si sta segnalando per una forma di comunicazione "giovane" scelta dal Teatro Ponchielli. L'idea è semplice: portare la musica e il teatro e di conseguenza alla bellezza in mezzo alla gente. Ecco quindi musica e rappresentazioni "a sorpresa" in ospedale, nel carcere, nelle piazze. E' un modo di comunicare giovane, già sperimentato in altre realtà ma piuttosto innovativo per Cremona. E' un tentativo di agganciare chi, per vari motivi, non ha mai frequentato il teatro. La bellezza è eterna e spesso non viene colta per mancanza di conoscenza più che per scelta. Faccio un esempio tratto da un ambito sempre musicale ma diverso: i Queen non erano conosciuti dalle generazioni dei giovanissimi, poi un film li ha resi popolari e le "visualizzazioni" sui social preferiti dai giovani sono esplose. Perché? Perché in realtà non erano "scelti" in quanto non conosciuti. Allo stesso modo, portare il teatro, la musica, la cultura in mezzo alla gente può farla apprezzare anche a chi non vi si è mai avvicinato, vuoi per non conoscenza, vuoi a volte anche per pregiudizio ("una roba noiosa"). Se presentata con passione e con brio, l'arte, intesa nel senso più ampio, non è mai noiosa!

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy