Cronaca

Ceraso e Malvezzi:"Perché il Comune si ostina a tenere in vita la convenzione per la piscina, mai rispettata dal gestore?"

Il tema della gestione della piscina comunale continua a far discutere. Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera di Maria Vittoria Ceraso e Carlo Malvezzi che polemizzano con le scelte del Comune:

Gentilissimi,

dopo la Commissione di Vigilanza di ieri ormai è chiaro che il Comune di Cremona non ha alcuna intenzione di agire per riprendere il controllo della piscina comunale ma è totalmente in balia degli eventi. L'Assessore Zanacchi e i tecnici del Comune hanno dichiarato che si preferisce aspettare l'esito dell'asta che ci sarà l'11 ottobre nella quale sarà venduto al miglior offerente il ramo d'azienda di Sport Management che comprende anche la nostra convenzione. Nella migliore delle ipotesi l'acquirente potrebbe essere Prime SSD a r.l., una società detenuta al 100%
dal gruppo spagnolo Hispania Sport, a responsabilità limitata con un capitale sociale di 10.000,00 euro, costituita il 25/3/202 e che ha iniziato ad operare il 5/5/2021, direttore tecnico Mattia Torquati, lo stesso di Sport Management, come a dire che la nostra concessionaria esce dalla porta per rientrare dalla finestra. Ma è credibile che il Comune che non è mai riuscita ad ottenere alcun investimento da Sport Management leader nel ramo della gestione di impianti natatori possa ottenere da una società appena nata, che ha un capitale sociale di 10.000,00,euro, la
realizzazione di opere di riqualificazione della piscina per 1.700.000,00 euro? Una società che il Comune, a detta dell'Assessore, non ha ancora riconosciuto come gestore della piscina nonostante fosse titolare del contratto di affitto del ramo d'azienda di Sport Management.

Pertanto a che titolo ha gestito la nostra piscina in questi mesi? Ma soprattutto perché il Comune si ostina a tenere in vita una Convenzione che non è mai stata rispettata da Sport Management? L'unico articolo rigorosamente rispettato è stato quello che prevede il pagamento di un canone annuo di 220.000,00 euro che significa che il Comune ha versato a Sport Management dal 2017 circa un milione di euro senza che la stessa abbia realizzato alcuna delle opere previste in Convenzione. Ma questo non è un vero e proprio danno erariale per il Comune di Cremona e quindi per tutti i cittadini?

Al contrario l'Assessore ci dice che dobbiamo essere contenti perchè la piscina è sempre rimasta aperta (la nostra come molte altre in Lombardia tipo Brescia, Montichiari, Soncino). Di certo S.M. ha fatto solo ciò che gli è convenuto visti i soldi che gli ha dato il Comune, anche rispetto ai primi sei mesi di quest'anno con apertura ridotta ai soli agonisti con spese di manutenzione al minimo, integrati dal contributo delle canottieri per l'utilizzo dell'impianto nei mesi invernali, di circa 100.000,00 euro.

Ricordiamo che negli altri Comuni è Sport Management che è tenuto a pagare un canone per gestire gli impianti non certo il contrario e pertanto anche il fatto di sedere al tavolo con altre Amministrazioni, che tra l'altro hanno contratti del tutto diversi dal nostro, non può certo portare a soluzioni univoche per tutti. Ma a quanto pare lo scopo del Comune è solo tenere aperta la piscina a tutti i costi nonostante la prospettiva di avere a che fare con una società nata solo per risolvere i problemi finanziari di Sport Management. Vien da pensare che in realtà l'Amministrazione non abbia scelta perché non esiste alcun piano B da mettere in atto per gestire la piscina e che pertanto ci si debba accontentare per i prossimi vent'anni, come è stato fino ad adesso, di una gestione che ha creato solo problemi e disservizi a danno come sempre dei cittadini.

Cordiali saluti

Maria Vittoria Ceraso (Viva Cremona)

Carlo Malvezzi (Forza Italia)

Ps a conferma dei dati dichiarati nella missiva ci è stata girata la visura della camera di commercio della società P.R.I.M.E.

Confermiamo che ha un capitale sociale di 10000 euro, che è stata costituita il 25 marzo 2021 e che ha iniziato a operare il 5 maggio 2021

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy