Cultura

Foto Cristian Chiodelli (concessa dal Museo del violino)

Il Museo del Violino si prepara alla riapertura

In questo momento tutto il settore della cultura, provatissimo, sta provando a ripartire. Riceviamo dal Museo del Violino il comunicato sulla ripartenza, che annuncia anche interessanti novità (sarà possibile visitare l'auditorium). Eccolo:

Il Museo del Violino si prepara alla riapertura, in calendario giovedì 4 marzo, con il consueto orario dalle 11 alle 17. Intanto fervono i lavori per accogliere i visitatori con la bellezza delle proprie Collezioni ma anche con nuovi contenuti e dotazioni tecniche aggiornate per rendere l’esperienza ancora più interessante ed interattiva.

Il normale percorso di sala in sala attraverso la storia della liuteria cremonese dal Cinquecento ad oggi, sarà completato dalla visita all’Auditorium Giovanni Arvedi. È una opportunità unica, permessa dalla temporanea sospensione degli spettacoli, per lasciarsi affascinare da un gioiello di architettura e acustica invidiato nel mondo, tanto da aver meritato nel 2016 il Compasso d’Oro, premio internazionale di design, per aver realizzato con bellezza ed eleganza il concetto di armonia pari a un grande strumento musicale, il violino.

Fino al 30 giugno sarà possibile ammirare la mostra “Reunion in Cremona”, una selezione di capolavori del National Music Museum (NMM) di Vermillion, South Dakota (USA), tra i quali un arco da violino, la chitarra Rawlins e il mandolino Cutler-Challen, tutti di Antonio Stradivari, e strumenti di Nicolò e Girolamo Amati, Nicola Bergonzi e Lorenzo Storioni.

Non meno interessanti i due violoncelli temporaneamente affidati al Museo del Violino nell’ambito del network “friends of Stradivari”: l’Amaryllis Fleming, a cinque corde, costruito da Girolamo Amati intorno al 1600, ed il Giuseppe Guarneri filius Andreae 1692 del Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano. Infine, ancora per qualche settimana, sarà esposta la chitarra Sabionari 1679 di Antonio Stradivari.

museoviolino2.jpg

FOTO ROBERTO DOMENICHINI (Concessa dal Museo del Violino)

Le visite dell’Auditorium e della mostra “Reunion in Cremona” sono incluse nel biglietto di ingresso al Museo, senza alcuna maggiorazione.

Intanto proseguono i lavori di allestimento in previsione della mostra “I Violini di Vivaldi e le Figlie di Choro della Pietà”. Dall'1 maggio al 18 luglio, infatti, si potranno ammirare gli strumenti ad arco della Collezione dell’Istituto Provinciale per l'Infanzia Santa Maria della Pietà di Venezia. Il compositore operò a partire dal 1703, come Maestro di Violino e successivamente come Maestro di Concerti, occupandosi anche della scelta e dell’acquisto degli strumenti musicali. In buona parte mai modificati per adeguarli alle prassi interpretative successive, saranno presentati dopo una intensa campagna di studio e restauro a cura del Museo del Violino, del Corso di Laurea Magistrale dell’Università di Pavia e di Cr.Forma.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy