Cultura

Premio bontà Bittanti ai giovani Matteo, Mariarosa e Safa: esempi di altruismo

Consegnato il Premio di bontà intitolato a Lidia Bittanti

Cremona, 18 novembre 2022 – I giovanissimi Mattia Gennari,  Mariarosa Panariello e Safa Soula sono i vincitori dell'edizione 2022 del Premio di bontà intitolato a Lidia Bittanti* giunto alla 45° edizione in quanto è istituito nel 1977.

La consegna del riconoscimento è avvenuta questa mattina nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale alla presenza del Sindaco Gianluca Galimberti, dell'Assessore alle Politiche Sociali e della Fragilità Rosita Viola, di Marilena Antonioli Paloschi e Claudio Bodini, in qualità di rappresentanti delle famiglie Bittanti – Antonioli, promotrici del premio. Ha inviato i suoi saluti mons. Attilio Cibolini, delegato del Vescovo di Cremona, impossibilitato a partecipare. Sono intervenuti alla cerimonia famigliari, amici dei premiati oltre a chi li ha segnalati.

L'apposita commissione, riunitasi nei giorni scorsi, al termine di una attenta e scrupolosa valutazione delle domande pervenute, ha deciso di assegnare tre premi da mille euro ciascuno a  Mattia Gennari, segnalato da don Claudio Rasoli, Presidente della Fondazione Opera Pia “SS. Redentore” di Castelverde, a Mariarosa Panariello, segnalata da Dario Amedeo Diotti, Presidente di Anffas Cremona Onlus, e a Safa Soula, segnalata da Loredana Uberti, Presidente del Comitato di Cremona della Croce Rossa Italiana.

Prima della consegna dei premi, l’Assessora Rosita Viola - delegata dal Sindaco a presiedere la commissione per la valutazione delle segnalazioni, compito svolto insieme ai rappresentanti delle famiglie Bittanti-Antonioli, da un un rappresentante della Curia e da un rappresentante dell’Ufficio Scolastico Territoriale - ha sottolineato l’importanza di questo riconoscimento. Riferendosi alle segnalazioni pervenute quest’anno e in passato, l’Assessora Viola ha detto che dimostrano che ci sono tanti giovani impegnati nel sociale, nel volontariato, nella scuola, negli oratori, in famiglia, solo per fare alcuni esempi, contraddicendo così una narrazione che li vedrebbe disinteressati e poco aperti verso gli altri. Ragazze e ragazzi che testimoniano quanto la solidarietà sia importante perché in momenti difficili, come avvenuto durante la pandemia ad esempio, da soli non è possibile farcela. A seguire, Marilena Antonioli Paloschi ha ricordato la figura di Lidia Bittanti, sua zia materna, e le finalità del premio intitolato a suo nome, mentre Claudio Bodini si è soffermato sulle segnalazioni pervenute e il messaggio che se ne può trarre.

 

bittantigennari.JPG

Premio di mille euro a Mattia Gennari,  19 anni, residente a Paderno Ponchielli

Motivazione

Per aver saputo colmare con la sua presenza costante il cuore degli ospiti della Fondazione Opera Pia “SS. Redentore” di Castelverde facendosi benvolere per la sua gentilezza e pazienza

Mattia Gennari è un giovane volontario che ogni giorno, negli scorsi mesi di agosto e settembre, ha dedicato diverse ore del suo tempo presso la Fondazione Opera Pia SS. Redentore di Castelverde attraverso l’Associazione SIAMO NOI onlus. Il ragazzo ha saputo instaurare con gentilezza e pazienza ottime relazioni con gli ospiti della struttura facendosi benvolere da tutti per la sua grande disponibilità.

bittantipanariello.JPG

Premio di mille euro Maria Rosa Panariello, 19 anni, residente a Castelvetro Piacentino

Motivazione

Per aver dedicato con entusiasmo e passione il suo tempo al progetto #ThisAbility riuscendo a trasferire i valori dell’amicizia e dell’inclusione nella relazione con gli altri

Mariarosa Panariello è una giovane volontaria che, a seguito di un progetto scolastico, si è avvicinata ad Anffas Cremona Onlus e ha così iniziato ad impegnarsi a favore di questa associazione: infatti, il venerdì e il fine settimana dedica buona parte del suo tempo libero a persone con disabilità. La sua si può definire una vera e propria vocazione ed esprime la sua dedizione verso gli altri con entusiasmo e passione. Mariarosa rappresenta inoltre una risorsa importante per il progetto #ThisAbility impegnandosi al Thisability USC Store di via Solferino.

bittantisoul.JPG

Premio di mille euro Safa Soula, 19 anni, residente a Cremona

Motivazione

Per essere stata in grado di diventare una risorsa di grande valore per il Comitato di Cremona di Croce Rossa Italiana unendo professionalità ed attenzione agli altri nel suo servizio quotidiano

Volontaria del Comitato di Cremona della Croce Rossa Italiana, Safa Soula ha dimostrato una non comune capacità di adattamento alle attività e ai servizi del Comitato svolgendo, sin dal suo ingresso, compiti di responsabilità in particolare per quanto riguarda i progetti rivolti ai giovani, alle campagne di informazione e sensibilizzazione. In questo suo impegno Safa Soula ha inoltre coinvolto la giovane sorella e la madre, dimostrando così di avere perfettamente compreso qual è la mission della Croce Rossa. Per il suo particolare approccio, Safa Soula rappresenta un esempio oltre che una preziosa risorsa per il futuro dell’associazione.

Dopo le foto di rito, i ringraziamenti e le parole dei premiati, visibilmente emozionati, la cerimonia si è conclusa con l’intervento del Sindaco che, ringraziando la commissione per il lavoro svolto, ha detto che 45 anni di premi dimostrano che la bontà ha sempre delle sorgenti e che la bontà a sua volta può diventare sorgente di bene. Le persone che hanno inoltrato le segnalazioni vanno ringraziate perché hanno saputo cogliere gesti di profonda umanità, così come vanno ringraziate le famiglie dei premiati per il ruolo che svolgono. Il Sindaco ha poi aggiunto che il merito va certamente a questi tre giovani, ma anche a tutte quelle persone che sono state gratificate dal bene ricevuto, persone in condizioni di fragilità che necessitano di attenzione e sostegno.

******

*Lidia Bittanti nasce a Cremona il 17 settembre 1906, la prima di quattro figli. Diventata una giovane donna, Lidia decide di staccarsi dalla famiglia, lascia Cremona e con una amica si sposta nella città di Parma per avviare un’attività commerciale, un negozio di biancheria. Manifesta da subito la sua intraprendenza, sa muoversi con disinvoltura e abilità. Il commercio è la sua vita e con coraggio si divide dall’amica aprendo un negozio tutto suo. Mantiene lo stesso articolo di vendita ma prende contatti con la città di Firenze e avvia una fiorente azienda di confezioni: la IMCERF, acronimo di “Impresa Confezioni e Ricami Fiorentini”. Passano gli anni, il negozio non basta più. Dopo essersi sposata inizia un’attività di vendita dei suoi articoli ad altri negozi e in altre città. Nel 1955 rientra a Cremona. Ancora una volta si rinnova, ha capacità e idee in campo commerciale. Decide per una nuova attività: non vuole più vendere prodotti realizzati da altre aziende ma vendere ciò che lei stessa produce. L’orientamento è per un articolo nuovo in espansione sul mercato: il costume da bagno. Conosceva il mercato e aveva fatto la sua scelta. Alcuni famigliari, a vario titolo, l’aiuteranno ma è lei che porta avanti e sviluppa quella che rimarrà pur sempre una piccola attività imprenditoriale. Sa progredire ma soprattutto rinnovarsi per seguire un mercato in evoluzione. La grande mossa fu andare negli Stati Uniti a rifornirsi di un prodotto nuovo per fare i costumi da bagno, il tessuto LASTEX, che rivoluzionò il mercato. La sua vita fu semplice e misurata; visse fino alla fine con la vicinanza di sua mamma in una casa in via Elio Crotti in Cremona. Al piano terreno il laboratorio e gli uffici. Si interessava di tutto il ciclo della lavorazione dei costumi da bagno. Negli ultimi anni però cedette la gestione del laboratorio e curò totalmente il rapporto commerciale con i suoi clienti. Condusse la sua azienda fino al 1966 quanto una grave malattia la obbligò in poco tempo a lasciare. Fu lucida fino all’ultimo e come suo desiderio ebbe modo di esprimere le sue volontà nel segno dell’altruismo e della solidarietà, valori in cui credeva e che la famiglia rispettò pienamente. Destinò un aiuto economico a diverse presone che sapeva in difficoltà e volle che il suo denaro fosse destinato ai giovani. La famiglia, tenendo conto delle sue volontà, ha istituito questo premio, attraverso un’importante donazione al Comune, per ricordarne la memoria.

 

 

Ufficio Stampa Comune di Cremona

piazza del Comune, 8

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 0372 407019 - 407590

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy