Cultura

Il coccodrillo di Cattelan nel battistero nel solco della tradizione: si trovano esempi anche nei santuari di Curtatone e San Michele Extra

La settimana di Cremona Art Week si avvia alla conclusione. La città è stata animata da una serie di conferenze, incontri, visite guidate, esposizioni di opere d'arte. Naturalmente, tutto ciò che movimenta la vita culturale cittadina è da valutare con favore, nella nostra ottica.

Qualche discussione ha provocato il "coccodrillo appeso" in battistero di Maurizio Cattelan, un artista piuttosto famoso. C'è anche chi si è indignato. 

JM8A1800.JPG

In realtà, l'opera rientra nella tradizione della valle padana. Nel Santuario della Beata Vergine delle Grazie a Curtatone, territorio mantovano ma vicino al cremonese, da secoli un coccodrillo è appeso e fa bella mostra. Come mai? Il catalogo dei beni culturali e bibliografici delle regge del Gonzaga lo spiega:

“L’animale ha valenza simbolica ed è legato all’ideologia cristiana per cui draghi, coccodrilli e serpi erano spesso associati al male. Il fatto che si trovi incatenato in una posizione sopraelevata sta a significare l’averlo reso innocuo e aver dunque scacciato il male che rappresenta. E’ inoltre un monito per i fedeli contro l’umana predisposizione all’errore. L’animale è stato donato al Santuario dal nobile Pier Paolo Malaspina nel 1608 come ex voto per la guarigione della moglie Bianca Bevilacqua, contessa di Lazise"

JM8A1799.JPG

Caso isolato? No!

A San Michele Extra nel veronese si trova il Santuario di Santa Maria della Pace, costruito a partire dal 1559. In un edificio adiacente alla chiesa è appeso al soffitto un coccodrillo mummificato di 5 metri (era abitudine usare appunto animali reali deceduti e trattati per la conservazione). La leggenda vuole che sia dono di Bianca Bevilacqua Lazise, che lo aveva erediato da un antenato che aveva partecipato alle crociate. Secondo altre versioni era un animale allevato da una famiglia facoltosa e poi abbandonato che aveva seminato il panico prima di essere catturato e donato come ex voto.

Potremmo fare altri esempi, quindi per quanto vi possa sembrare paradossale il coccodrillo non è contro la tradizione ma al contrario è la tradizione!
Semmai, a Cattelan potremmo dire che la sua opera può piacere e avere valore ma non è innovativa, ecco questo sì: non ha proposto qualcosa di davvero nuovo.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy