Cultura

Viaggio nelle mappe del mondo storiche: "Quale scienza per quale società?" alla biblioteca statale di Cremona

Venerdì 22 marzo, ore 16:30, sala conferenze "Virginia Carini Dainotti"

Per il ciclo di conferenze "Quale scienza per quale società?" organizzato dall'associazione “Gli Ex dell'Aselli” in collaborazione con la Biblioteca Statale di Cremona: “Il mondo di carta: antiche mappe tra arte e scienza”

Relatori: Giovanni Fasani (studioso di storia della grafica) e Raffaella Barbierato (direttrice della Biblioteca Statale di Cremona).

Un viaggio tra le mappe dalla loro origine al ‘600, secolo dei grandi geografi olandesi e italiani, fino ai primi del ‘700 senza dimenticare il nostro artista e storico Antonio Campi, che, seppur limitatamente alla nostra città e alla nostra provincia, dimostrò senza dubbio le sue doti di geografo al passo con i tempi. Un excursus che farà cenno a come le mappe, oltre che al naturale significato geografico e cosmografico, assunsero rilevanza nel campo dell’arte e divennero strumento politico al servizio dei nobili e dei sovrani.

Ogni epoca, fin dalla preistoria, ha dato una rappresentazione simbolica del mondo o della volta celeste fino ad allora conosciuti e per far questo ha utilizzato un insieme di conoscenze scientifiche, tecniche e artistiche usando i materiali di cui disponeva, pietra o carta, con modelli piani o sferici e fornendo così alla società informazioni geografiche, politiche, statistiche, culturali.

Accanto alla conferenza troveremo la mostra dallo stesso titolo che verrà inaugurata nelle sale della Biblioteca statale e che rappresenta ancora una volta la sinergia tra collezionismo privato e patrimonio pubblico, proponendo materiale tanto della collezione di Gianni Fasani quanto della Biblioteca Statale di Cremona.

Il percorso si focalizza soprattutto sulle prime rappresentazioni del globo terrestre legate alle grandi scoperte geografiche, in epoca moderna, dall'Isolario del Bordone (1534) al globo del Mercatore (1541) al Theatrum OrbisTerrarum dell'Ortelio (1570), il primo atlante dell'età moderna; un affascinante viaggio tra le rappresentazioni geografiche dalle più antiche mappe di Tolomeo, di Cantino , di Blaeu fino ai primi anni del 700’. Come sempre non mancherà nemmeno un registro più locale legato al territorio cremonese e alla città di Cremona, dove la mappa del Campi del 1585 supera la dimensione puramente geografica e urbanistica per restituire un vero affresco sociale della città.

L’evento, particolarmente interessante sia sul piano scientifico che artistico, è aperto a tutta la cittadinanza. La mostra resterà allestita fino al 7 aprile e sarà visitabile anche dalle scuole che la proponessero a docenti e studenti.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy