Storia cremonese

1866: Cremona città di confine militarizzata e fortificata in vista della guerra

Dopo la nascita del Regno d'Italia, il Veneto apparteneva comunque agli austriaci. Anzi, la provincia stessa di Mantova era austriaca. Cremona era quindi città di confine, con una potenza militare ostile. Nel 1866, come sapete, scoppiò la guerra proprio contro gli austriaci. Cremona negli anni e nei mesi precedenti era stata fortificata in previsione della guerra. Come riporta il prezioso testo sul Risorgimento cremonese del compianto Fiorino Soldi, la situazione a Cremona era la seguente: cannoni piazzati sui bastioni di Porta Milano e Porta Venezia, barricate già pronte sulle strade di accesso alla città, terrapieni e fortini delle mura al Po. Le truppe erano numerose e accampate in caserme, scuole, chiese. A Cremona aveva sede il Quartier generale del comando supremo: requisiti i palazzi principali, a disposizione dell'esercito.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy