Storia cremonese

1989: Zaffanella vieta il centro storico alle auto (anche dei residenti), in corso Campi divieto perfino per le bici!

Il tema della mobilità in centro storico ha sempre fatto discutere. Dalla nostra storia riesumiamo oggi il provvedimento dell'allora sindaco Renzo Zaffanella, che era anche assessore all'ecologia, emesso nell'anno 1989: divieto ai veicoli per il centro storico (in pratica niente auto in tutte le vie centrali). Pure ai residenti (anche per loro valeva la regola) venne chiesto di muoversi dai "parcheggi a corona", indicati dal sindaco in una intervista concessa a Sperangelo Bandera per il Corriere della sera il 22 novembre 1989 negli spazi delle ex Tranvie, del Foro Boario e del quartiere Po. Zaffanella sollecitava anche l'utilizzo di piazza Marconi con un centro storico tutto pedonalizzato per ridurre l'inquinamento. Non finisce qui: corso Campi fu anche vietato alle biciclette su richiesta di cittadini anziani che avevano avuto qualche "scontro" fisico con ciclisti indisciplinati. Quest'ultima decisione fu contestata dalle associazioni ambientaliste. Come sappiamo, l'inquinamento è ancora alto, le biciclette (e le piste ciclabili) fanno sempre discutere mentre oggi pur fra polemiche e discussioni il centro storico è accessibile alle automobili. 

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy