Storia cremonese

1226: Federico II indice a Cremona la dieta che porta al bando di Milano

Nell'era di Federico II Cremona occupa un ruolo di rilievo, con un rapporto speciale con l'imperatore. Non è un caso che sia proprio Cremona, nel 1226, a ospitare la dieta indetta dall'imperatore, finalizzata a restaurare i diritti dell'imperatore in Lombardia, reprimere l'eresia e organizzare la prossima crociata. Alla riunione vengono invitate le città libere della Lombardia e le città fedeli all'imperatore. La dieta, programmata per Pasqua 1226, mise in allarme le città ostili all'imperatore, a cominciare da Milano. I milanesi, insieme ad altre città, rinnovarono allora i giuramenti della Lega Lombarda, in sfida all'imperatore, poi fermarono la strada che permetteva ai principi tedeschi collegati all'imperatore di raggiungere Cremona, disertando la dieta che di fatto fallì il suo obiettivo. La ribellione spinse Federico II a muoversi per far scomunicare i governi dei comuni ribelli per aver impedito la preparativa della crociata e per metterli al bando. Cremona, ancora una volta, al centro del mondo dell'epoca.

 

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy