Storia cremonese

Il Credito Commerciale e il suo palazzo liberty del 1912: era il più alto della città

Il 19 marzo 1907 nasce a Cremona, per iniziativa dell'ingegnere Amilcare Robbiani e di Cesare Prandoni, il Credito Commerciale. Si tratta di una nuova banca con un capitale iniziale di 500.000 lire suddiviso in 20.000 azioni da 25 lire. Vivrà fino agli anni novanta, avendo come primo presidente Amilcare Robbiani fino al 1935 ma poi personaggi noti come Giovanni Treccani e Enrico e Giovanni Falck. Il Credito Commerciale ha subito successo e vuole mostrare la propria solidità e il proprio prestigio e nel 1912 fa costruire un palazzo nei pressi dei giardini di piazza Roma. Lo stile è quello che va per la maggiore all'epoca, il liberty (lo ritrovate per esempio negli interni della pasticceria Ebbli). Il palazzo di cinque piani diventa in quel momento il più alto della città, sarà superato solo qualche decennio dopo. Ancora oggi (non è più sede del Credito Commerciale, ha ancora una banca al suo interno ma i piani superiori sono stati adibiti a edificio residenziale) è uno dei palazzi più prestigiosi della città.

La Quinta T è una iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Simone Manini
Direttore Editoriale: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy