Voglia di Arte

Raffaello e il leggendario amore per la sua "fornarina"

Ricostruire la vita di uomini vissuti secoli fa non è semplice, le ricerche sono sempre complesse e anche avere certezze non è mai scontato. Sulla vita di Raffaello e sui suoi amori gli studiosi stanno ancora discutendo e non possiamo affermare con certezza quale sia la versione esatta dei fatti. Esiste però una versione tradizionale che narra il rapporto fra Raffaello e la donna che amava, almeno quella. che amava più di tutte le altre (era un rubacuori, questo è sicuro), una versione dibattuta (non sappiamo quanto e fino a che punto sia vero di quello che le fonti tradizionali riportano, a partire per esempio dal Vasari: gli studiosi sono divisi, la stessa identità e l’ambito sociale di provenienza della donna amata sono discussi). Fatta questa doverosa premessa, però, vogliamo raccontare la storia di Raffaello e Margherita, perché è affascinante e in ogni caso rende bene quale è l’immagine di Raffaello nell’immaginario popolare da secoli a questa parte.

Raffaello è un artista geniale, un uomo affermato è un conquistatore di cuori femminili. Un giorno, passeggiando per i vicoli di Roma, in una strada chiamata Dorotea nota una giovane donna che si sta pettinando e ne rimane estasiato. E’ bellissima, un angelo di fronte ai suoi occhi (esiste un’altra versione: Raffaello cammina lungo il Tevere e nota una ragazza che si sta bagnando, ma anche in questo caso lui rimane fulminato e lei, ai suoi occhi, è un angelo).

raffaello.jpg

Raffaello da questo momento non può fare a meno di lei. Si chiama Margherita Luti ed è la figlia di un fornaio ma diventa la musa e la modella preferita di Raffaello. Lui pensa a lei, vuole lei, ha bisogno di lei come del respiro. Racconta il Vasari che quando Agostino Chigi commissiona a Raffaello “il trionfo di Galatea”, Raffaello strepita come un bambino, non andrà avanti a lavorare se lei non sarà con lui, a ispirarlo, a fargli compagnia, a dare senso alla sua esistenza.

Le storie d’amore spesso non si coronano. Nel caso di Raffaello, nel 1520 è la morte a spezzare il legame fra lui e lei. Un dolore insopprimibile è insopportabile e lei non regge: si chiude in un convento, perché senza lui la vita terrena non le interessa più, se non può più essere sua non sarà di nessun altro.

Come detto, questi fatti sono frutto di diversi fonti tradizionali e si discute su quanto sia vero. Di certo, nell’immaginario collettivo Raffaello e Margherita sono indissolubilmente legati.

Le storie d’amore spesso non si coronano, dicevamo. Raffaello e Margherita sono legati per sempre, amanti eterni: nel loro caso la storia si è comunque coronata.

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy