Voglia di Arte

John William Godward:"Il mondo non è abbastanza grande per me e Picasso"...più che una storia sbagliata, un tempo sbagliato...

John William Godward è un pittore britannico dalla vita tormentata. Amava l’arte al punto da dedicargli la vita ma la sua famiglia non voleva, l’autoritario padre le provò tutte per impedirgli le sue scelte. Godward aveva un suo stile che richiamava movimenti come i preraffaelliti e il neoclassicismo, era uno degli ultimi epigoni dei movimenti artistici vittoriani in un’epoca in cui crescevano le avanguardie. Questo, unito al disprezzo della famiglia per la sua passione, lo tormentava. Nel 1912 si innamora di una modella italiana e si trasferisce a Roma per qualche anno: la sua famiglia arriva al punto di distruggere tutte le sue lettere e le sue foto. Alla fine, si suiciderà e le sue ultime parole saranno “il mondo non è abbastanza grande per me e Picasso”.

Una storia sbagliata, parafrasando un grande della musica...ma forse sarebbe meglio dire un tempo sbagliato. Godward era un pittore di talento, semplicemente la sua arte non esprimeva più lo spirito del suo tempo, era fuori tempo diciamo, solo in seguito è stata rivalutato.

Il mondo però è abbastanza grande per Picasso e per John e per chiunque altro abbia la sensibilità di cercare e trovare la bellezza: ci sono tante strade per arrivarci, nessuna è obbligata...

Questa riprodotta è una delle sue opere: “Lycinna”. Si ispira alla storia del poeta Sesto Aurelio Properzio, romano, che si innamorò della schiava Licinna, poi in seguito fu ambito dalla padrona di Licinna, Claudia, che lo conquistò salvo farlo tribolare con un rapporto tormentato e inquieto.

John amava rappresentare i suoi soggetti in spazi ispirati alla antichità, ricchi di marmi, panni morbidi e coloratissimi, esteticamente eleganti e vagamente deduttivi.

In Licinna noi (è una nostra percezione personale) però siamo attratti dal viso: luminoso, proporzionato, bello. Eppure, gli occhi di Licinna hanno una luce diversa: solo una patina sottile, ma tradiscono tristezza, mestizia, rassegnazione. Una donna che sa di essere una schiava e che si ritrova in competizione per un uomo, da cui è attratta, con la sua padrona...

Ci sono tante strade per cercare la bellezza: John aveva la sua, peccato abbia pensato non ci fosse abbastanza spazio anche per lui...

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy