Voglia di Cinema

Il significato della danza per Billy Elliot

Billy Elliot ha conquistato il pubblico di tutto il mondo e lo ha fatto perché ha saputo tratteggiare un tema tutto sommato complesso con molta leggerezza, senza perdere profondità. 

Per tutto il film, infatti, Billy Elliot ci mostra la realtà di sofferenza della provincia inglese anni ottanta, di gente che aveva poco e deve lottare per difendere quel poco, in una situazione senza prospettive, triste.

Billy, il protagonista, cresce in questo contesto: per tutto il film, la danza è il suo modo di evadere dalla realtà che lo circonda. Non è solo un divertimento, è una forma di creatività e di sfogo. Alla fine, riesce a sostenere l’esame per essere ammesso a una importante scuola di danza, una delle più prestigiose del regno.

E’ teso, non a suo agio: si trova in un ambiente ricco ed elegante, circondato da ragazzi diversi da lui, cresciuti nella bambagia. Amano la danza, certo, hanno dei sogni, certo, ma non vengono dalla difficoltà e dalla sofferenza come lui.

Per loro la danza è una passione, per lui la salvezza, un modo per aggirare i problemi che opprimono la sua famiglia.

Quando deve sostenere il colloquio decisivo, non a caso, fa scena quasi muta: non ha gli strumenti, non è cresciuto in una zona ricca, non ha potuto studiare nelle migliori scuole, non sa esprimersi con le parole, viaggia a monosillabi. 

Sull’ultima domanda, riesce finalmente ad esprimersi, descrivendo le sue sensazioni. Dice che quando balla si sente sicuro, dice che scompare (più evasione di così...), che vola via come un uccello, come se fosse elettricità. Sono parole semplici, quelle che userebbe un bambino, perché Billy non ha avuto nessuno che gli insegnasse a esprimersi in modo più strutturato. Esprimono benissimo, però, la capacità della danza di farlo evadere dal difficile mondo che circonda la sua infanzia e adolescenza.

La danza non è solo una passione: è una via di fuga verso una vita migliore, quella stessa vita che suo padre e suo fratello non possono e non potranno mai avere ma che con amore, e sacrifici, stanno cercando di fare avere a lui...

“Dunno. It sort of feels good. It’s sort of safe and that… But, once I get going, I sort of forget everything. I sort of disappear. I can feel a change in my whole body. I’m just there… I have this fire in my whole body. I’m flying… like a bird. Like electricity… Yeah, like electricity”

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy