Voglia di Letteratura

"Cronache marziane": tutto cambia senza che nulla cambi

Ray Bradbury è un autore creativo, originale, intelligente ma anche ingannevole. Il suo "Cronache marziane" può indurre a pensare a un testo dedicato al mondo dello spazio, a prima vista. Il senso più profondo del libro, invece, è legatissimo alla nostra cara vecchia Terra e soprattutto alle creature che la abitano, a noi insomma.

Bradbury infatti ci porta su Marte, ci racconta la colonizzazione umana in una serie di racconti apparentemente slegati fra loro ma in realtà uniti da un filo conduttore che è la natura umana, ritratta in tutte le sue sfaccettature: violenza, nostalgia, legami, razionalità, istinto, pensieri sul creato...

Il lato dominante, però, è negativo: è una natura, la nostra, che ci spinge infatti a distruggere, mossi da avidità, desideri materiali, incapacità di convivere con l’ambiente e con gli altri. E' questo il lato che prevale su tutti gli altri.

E’ un’analisi critica e al tempo stesso amara, anzi amarissima della natura umana. E' pessimista, ma coinvolgente: ti spinge a riflettere, a interrogarti su cosa siamo, su quale possa essere il nostro futuro, sui valori morali.

Alla fine, l’uomo compie la massima e più pericolosa delle esplorazioni, cioè viaggiare nello spazio e finire su Marte, per scoprire di essere sempre uguale a se stesso: cambia tutto, ma non cambia l’uomo, qui come su Marte.

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy