Voglia di Musica

She’s lost control: Ian Curtis e il suo destino fra paura, disperazione e desiderio

Uno dei temi ricorrenti in ogni forma d’arte è la comunicazione. Non c’è niente di più difficile che comunicare. Ognuno di noi ha un mare di emozioni, di pensieri, di sensazioni nel profondo e riuscire a comunicarle agli altri, a rendere ogni sfumatura, è impresa difficilissima perfino quando c’è grande intimità. Per questo ognuno cerca la sua strada, alcuni provano con le parole, altri con i dipinti, qualcuno con la musica.

Ian Curtis era uno di coloro che riusciva ad essere se stesso, a spiegarsi agli altri, ad esprimersi con la musica. Quando saliva sul palco per cantare esprimeva una energia, un carisma, un magnetismo che provenivano dal suo profondo. Le canzoni che scriveva, che cantava, esprimevano i desideri, le paure, le emozioni, la disperazione di un uomo che avrebbe voluto diventare come David Bowie ma che doveva fare i conti con i suoi limiti e le sue debolezze. Un uomo sensibile e romantico, con tanta voglia di ridere ma cupo, un uomo come tanti ma con una capacità di mettersi a nudo di fronte agli altri unica.

ian.webp

Nel 1978 Ian vive una esperienza che lo segna. Lavorando in un centro per il sostegno al lavoro della sua Manchester conosce una ragazza. Questa ragazza ha un forte attacco di epilessia di fronte a Ian. È un trauma, una esperienza che lo segna. Ian poi non vede più quella ragazza, pensa che abbia trovato lavoro ma un giorno fa una scoperta terribile: è morta nel sonno, vittima del suo male.

Ian prova emozioni fortissime e decide di metterle in musica. Nasce “She's lost control”. È una canzone disperata e potente, un brano che rende pienamente l’idea della paura, di cosa voglia dire sentirsi persi, soffocati, fuori controllo, essendone perfettamente coscienti. È la descrizione delle paure più profonde dell’uomo che Ian ha visto concretizzarsi davanti ai suoi occhi in quella ragazza.

Il destino però sa essere ancora più crudele. Nel gennaio 1979 Ian scopre di soffrire di epilessia fotosensibile. Il male che ha distrutto quella ragazza, quello stesso male che lo aveva terrorizzato, ora è dentro di lui. Ian è devastato, tutti lo saremmo, ma nel suo caso anche di più: la sua malattia è collegata alla esposizione alla luce, alle sensazioni forti e agli eccessi. Per il frontman di una band è una specie di condanna, un contrappasso.

La canzone dedicata a quella ragazza ora non racconta più paure fuori di noi ma un male che è dentro Ian: lui reagisce e aggiunge una strofa, l’ultima che mettiamo fra parentesi. Sono parole disperate di un uomo che vorrebbe aggrapparsi ai miti, alle bugie, per una apparente vita tranquilla, ma non ne ha la forza e restano solo le lacrime.

joy-division.jpg

L’esibizione dal vivo che potete ammirare nel video ne è l’espressione perfetta: il modo in cui balla Ian è la perfetta e plastica concretizzazione di un uomo “fuori controllo”, un uomo con tanta voglia di amare, di fare musica, di comunicare ma schiacciato da un male che è dentro di lui.

Questo cumulo di paure, mali, disperazione renderanno complicato il rapporto con la sua Debby, la sua compagna, quanto mai fondamentale per un uomo che aveva bisogno di essere amato come noi, più di noi. Un uomo che faticava a comunicare fuori dal palco e che non riuscirà ad aprirsi fino in fondo con Debby se non con “Love will tear Us apart”, altro capolavoro.

Sarà però troppo tardi: Ian infatti si sarà già suicidato perché quando “l’oscurità irrompe io mi limito a scoppiare a piangere”. He’s lost control...

Testo originale:

She's lost control

Confusion in her eyes that says it all
She's lost control
And she's clinging to the nearest passer by,
She's lost control

And she gave away the secrets of her past,
And said I've lost control again,
And a voice that told her when and where to act,
She said I've lost control again

And she turned around and took me by the hand and said,
I've lost control again
And how I'll never know just why or understand,
She said I've lost control again

And she screamed out kicking on her side and said,
I've lost control again
And seized up on the floor, I thought
she'd die
She said I've lost control

She's lost control again
She's lost control
She's lost control again
She's lost control

Well I had to 'phone her friend to state my case,

And say she's lost control again
And she showed up all the errors and mistakes,
And said I've lost control again

But she expresses herself in many different ways
Until she lost control again
And walked upon the edge of no escape,
And laughed I've lost control

She's lost control again.
She's lost control.
She's lost control again.
She's lost control.

(I could live a little better with the myths and the lies
When the darkness broke in, I just broke down and cried
I could live a little in a wider line
When the change is gone, when the urge is gone
To lose control When here we come)

Testo tradotto:

Lei ha perso il controllo

La confusione nei suoi occhi dice tutto
Ha perso il controllo
E si aggrappa al passante più vicino,
Ha perso il controllo

E sprofondò nei segreti del suo passato,
E disse ho perso di nuovo il controllo,
E una voce le diceva quando e dove agire,
Lei disse ho perso di nuovo il controllo

E lei si voltò e mi prese per mano
e disse,
ho perso di nuovo il controllo
E come non saprò mai solo il perchè o capire,
Lei disse ho perso di nuovo il controllo

Ed urlando e scalciando lei disse,
Ho perso di nuovo il controllo
E sequestrato sul pavimento, ho pensato che sarebbe morta
Lei disse ho perso di nuovo il controllo

Lei ha perso di nuovo il controllo
Lei ha perso il controllo
Lei ha perso di nuovo il controllo
Lei ha perso il controllo

Beh, ho dovuto telefonare alla sua amica per dirle cosa era successo
E dissi lei ha perso di nuovo il controllo
E lei esagerò tutti gli errori e gli sbagli,
E disse ho perso il controllo di nuovo

Ma lei si esprime in molti modi diversi
Fino a quando non perde nuovamente il controllo
E camminava sul bordo senza scampo
E rideva "ho perso il controllo"

Lei ha perso di nuovo il controllo
Lei ha perso il controllo
Lei ha perso di nuovo il controllo
Lei ha perso il controllo

(Potrei vivere un po' meglio con i miti e le bugie
Quando l'oscurità irrompe, io mi limito a scoppiare a piangere
Potrei vivere un po' più in una linea più ampia
Quando il cambiamento è andato, quando la voglia è andata
Di perdere il controllo quando noi arriviamo)

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy