Voglia di Sport

1958: il giornalino dello stadio di Lucca conia la definizione "piccolo Brasile" per il grande Mantova di Fabbri

Anno 1958. Il Mantova, piccola squadra di provincia, è guidato da Edmondo Fabbri (allenatore che diventerà, ahilui, protagonista della nera pagina con la Corea del Nord ai mondiali del 1966, ma quella è un'altra storia...).

La squadra sta scalando una a una le categorie scrivendo una pagina di storia del calcio italiano. In pochi anni passa infatti dalla serie D alla serie A, giocando un calcio scintillante e dominando incontrastata. In campo c'è Gustavo Giagnoni, futuro allenatore di serie A, bandiera e leader di una squadra che schiera tanti ottimi elementi come Fantini, Micheli e Recagni solo per citarne alcuni.

Quell’anno il Mantova gioca la serie C, puntando sin dal via al vertice: a fine stagione sarà serie B, inevitabilmente. A fine ottobre il Mantova travolge 8-2 il Legnano, un trionfo assoluto. La domenica dopo, primi di Novembre, si va a Lucca, sul campo di una squadra gloriosa che solo pochi anni prima militava in serie A.

All’epoca ogni stadio ha il suo giornalino locale, letto da tutti gli sportivi nell'attesa del via alla partita: quello di Lucca si chiama “Il rossonero”. Il giornalista locale ha una intuizione storica: impressionato dal Mantova, titola “Arriva a Lucca il piccolo Brasile”, paragonando la squadra di Fabbri al Brasile che ha vinto i mondiali incantando in estate. Il Brasile è la squadra del momento e gioca un calcio spettacolare, il paragone sorge spontaneo.

Il soprannome evidentemente piace un sacco ai mantovani che se lo appiccicano addosso e non lo tolgono più. Ancora oggi quella squadra, e per estensione il Mantova di oggi, sono per tutti "il piccolo Brasile"

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194