Voglia di Sport

SERIE A STORY 1980-1981 1° Turno - Inter poker, Selvaggi ferma la Juve, il Napoli delude, Bertoni accusato di essere un "attore" a Firenze

La stagione 1980-1981 del calcio italiano è una sorta di rivoluzione. La serie A si presenta all'anno zero. Milan e Lazio sono state retrocesse in B per lo scandalo scommesse ed Avellino, Bologna e Perugia partono con ben 5 punti di penalizzazione, tanti in un torneo di sole 30 giornate. Per la prima volta dopo anni ci sono gli stranieri e c'è tanta curiosità. La Roma ha preso la stella del Brasile Falcao, la Juve si è buttata sull'irlandese Brady, il Napoli ha preso il fortissimo olandese Ruud Krol, la Fiorentina Daniel Bertoni, l'Inter ha preso l'austriaco Prohaska, il Torino Van de Korput e il Bologna Eneas. Tra le provinciali l'Avellino ha pescato Juary, la Pistoiese lo sconosciuto Luis Silvio dal Brasile, l'Udinese ha preso Neumann, il Perugia punta su Sergio Fortunato. In cinque decidono di tenere in rosa solo italiani: Ascoli, Como, Cagliari, Catanzaro e Udinese.

EUGENIO BERSELLINI

L'Inter campione in carica è una delle logiche favorite ma la Juventus è sempre molto forte. Al sud sono sempre più ambiziose Roma e Napoli e soprattutto il Napoli con Krol punta in alto. Il Torino è sempre una buona squadra, la Fiorentina sogna un piazzamento di rilievo. Bologna, Avellino e Perugia con 5 punti di penalizzazione possono solo puntare alla salvezza insieme ad Ascoli, Como, Catanzaro, Brescia, Cagliari, Udinese, Pistoiese.

Si parte alla prima giornata e subito non mancano le sorprese. Ecco il resoconto:

Udinese-Inter 0-4

UDINESE Pazzagli, Leonarduzzi, Milani, Miani, Sgarbossa, Tesser (30' st Bilardi), Bencina, Neumann, Pradella, Vriz, Vagheggi (14' st Koetting)

Allenatore: Perani

INTER Bordon, Baresi, Oriali, Pasinato, Mozzini, Bini (33' st Pancheri), Marini, Prohaska, Altobelli, Beccalossi, Muraro (28' st Caso)

Allenatore: Bersellini

ARBITRO D'Elia di Salerno

RETI 13' Pasinato 26' Bini 10' st Muraro 28' st Altobelli

NOTE Spettatori 42000. Ammoniti Altobelli, Miani, Pradella

CARLETTO MURARO

L'Inter aveva deluso in estate e in Coppa Italia e in settimana avrebbe sfidato in coppa dei Campioni l'Universitatea Craiova, una distrazione non da poco. Eppure, a Udine inizia benissimo vincendo 4-0. Segna Pasinato ben lanciato da Beccalossi poi Bini in pallonetto e Muraro con la sua solita punizione. Chiude i conti Altobelli di tacco. L'Udinese però colpisce il palo con Tesser e Bordon è comunque decisivo, un 4-0 troppo punitivo. La polemica del giorno è tra Bearzot e Marini: il ct presente in tribuna spiega di non dare spazio a Marini in nazionale perché inesperto e Marini si risente rivendicando di meritarsi il posto. Un battibecco non da poco!

Como-Roma 0-1

COMO Vecchi, Vierchowod, Riva (29' st Marozzi), Centi, Fontolan, Volpi, Mancini, Lombardi, Nicoletti, Gobbo, De Falco (1' st Mandressi)

Allenatore: Marchioro

ROMA Tancredi, Spinosi, Maggiora, Turone, Falcao, Romano, B. Conti (16' st Rocca), Di Bartolomei, Pruzzo, Ancelotti, Amenta

Allenatore: Liedholm

ARBITRO Michelotti di Parma

RETE 24' autorete Volpi

NOTE Spettatori 18000

LA ROMA 1980-1981

La Roma fa debuttare Falcao che regala subito magie e domina trovando però il gol solo grazie a una autorete di Volpi che devia di testa una palla lanciata da Falcao per Conti. Il Como si rende pericoloso solo col pungente Nicoletti e poi colpisce la traversa in avvio di ripresa ma la vittoria giallorossa è meritata.

Cagliari-Juventus 1-1

CAGLIARI Corti, Lamagni (38' st Canestrari), Longobucco, Osellame, Azzali, Brugnera, Bellini, Quagliozzi, Selvaggi, Tavola (30' st Loi), Piras

Allenatore: Tiddia

JUVENTUS Zoff, Cuccureddu, Cabrini, Furino, Gentile, Scirea, Causio (31' st Marocchino), Tardelli, Bettega, Brady, Fanna (31' st Verza)

Allenatore: Trapattoni

ARBITRO Pieri di Genova

RETI 19' Selvaggi 40' Tardelli

NOTE Spettatori 45000. Ammoniti Lamagni, Scirea, Selvaggi

FRANCO SELVAGGI DEL CAGLIARI

Complice il grande caldo la Juve inizia male anche perché l'atteso Brady è il peggiore in campo. Selvaggi segna un meraviglioso gol al volo di collo destro su spizzata di testa di Piras ma Tardelli pareggia di testa su punizione di Causio. Un pareggio giusto.

Torino-Pistoiese 1-0

TORINO Terraneo, Volpati, Salvadori, P. Sala, Danova, Masi, D'Amico, Pecci, Graziani, Zaccarelli (15' st Sclosa), Mariani

Allenatore: Rabitti

PISTOIESE Mascella, Zagano, Marchi, Benedetti (28' st Paganelli), Bellugi (23' st Quattrini), Lippi, Luis Silvio, Agostinelli, Rognoni, Frustalupi, Borgo

Allenatore: Vieri

RETE 14' st P. Sala

NOTE Spettatori 25000. Espulso Pecci all'11' st per fallo di reazione. Ammoniti Masi, Marchi, Frustalupi e Agostinelli

LUIS SILVIO DELLA PISTOIESE

La Pistoiese debutta in serie A presentandosi con una formazione abbottonatissima a Torino. I granata attaccano ad oltranza ma poi restano in dieci per un fallo di reazione di Pecci. Poco dopo sugli sviluppi di una palla inattiva però arriva il gol di Patrizio Sala ed è sufficiente per vincere. Nella Pistoiese al debutto Luis Silvio viene descritto così:"Sul piano calcistico ha mostrato poco, molto poco"

Napoli-Catanzaro 1-1

NAPOLI Castellini, Bruscolotti, Marangon, Guidetti, Ferrario, Cascione, Damiani (28' st Speggiorin), Vinazzani, Musella, Nicolini, Pellegrini

Allenatore: Marchesi

CATANZARO Zaninelli, Ranieri, Sabadini, Boscolo, Menichini, Morganti, Sabato, Orazi (20' st Mauro), De Giorgis, Braglia, Palanca (11' st Borghi)

Allenatore: Burgnich

ARBITRO Tonolini di Milano

RETI 14' st rigore Musella 22' st Sabato

NOTE Spettatori 50000. Espulsi Braglia e Guidetti per reciproche scorrettezze al 23' st. Ammoniti Palanca e Guidetti

GAETANO MUSELLA

Il Napoli debutta in casa ma senza Krol, in tribuna per problemi burocratici, gioca male in modo tortuoso. Il migliore in campo è il 19enne Cascione sostituto proprio di Krol. Musella si procura un rigore per fallo di Borghi e lo segna ma qualche minuto dopo l'ottimo Sabato pareggia con una gran punizione potente dal limite.

Fiorentina-Perugia 1-0

FIORENTINA Galli, Contratto, Tendi, Galbiati, Guerrini, Casagrande, Orlandini, Sacchetti (20' st Restelli), Desolati, Antognoni, Bertoni

Allenatore: Carosi

PERUGIA Malizia, Nappi, Ottoni (30' st Bernardini), Frosio, Pin, Tacconi, Bagni, Butti, Goretti, De Gradi, De Rosa (30' st Giuntini)

Allenatore: Ulivieri

ARBITRO Ciulli di Roma

RETE 24' rigore Antognoni

NOTE Spettatori 40000. Ammoniti Ottoni e Frosio

DANIEL BERTONI

La Fiorentina affronta un Perugia rimaneggiato e vince con un rigore di Antognoni procurato da Bertoni per fallo del giovane Ottoni, un fallo conquistato con astuzia dal gaucho all'esordio, campione del mondo con l'Argentina nel 1978. La Fiorentina gioca male mentre il Perugia paga le assenze compreso il nuovo acquisto straniero Fortunato. Polemica a fine gara col giovane Ottoni che non le manda a dire a Bertoni:"Bertoni è un grande attore che si butta sempre per terra e ha sputato in faccia a me e anche a Nappi!"

BOLOGNA-ASCOLI 1-0

BOLOGNA Zinetti, Fabbri, Vullo, Paris, Bachlechner, Sali, Pileggi, Dossena, Garritano (35' pt Fiorini), Eneas (32' st Gamberini), Colomba

Allenatore: Radice

ASCOLI Pulici, Anzivino, Boldini, Perico, Gasperini, Mancini, Torrisi (32' st Pircher), Moro, Trevisanello, Scanziani, Bellotto

Allenatore: G.B. Fabbri

ARBITRO Barbaresco di Cormons

RETE 25' st autorete Anzivino

NOTE Spettatori 30000

DONATO ANZIVINO DELL'ASCOLI

Il Bologna penalizzato in classifica vince subito una partita importante. Non gioca bene ma attacca più di un Ascoli spento e trova alla fine il gol con una autorete di Anzivino su tiro di Pileggi. Eneas, grande atteso della vigilia, delude: schierato a centrocampo sembra una punta senza tiro, Radice a fine gara lo definisce "l'ombra del giocatore che ho visto in Brasile".

BRESCIA-AVELLINO 1-2

BRESCIA Malgioglio, Podavini, Galparoli, De Biasi, Venturini, Biagini (1' st Guida), Bergamaschi, Torresani, Sella, Iachini (32' st Salvioni), Penzo

Allenatore: Magni

AVELLINO Tacconi, Giovannone, Beruatto, Valente, Cattaneo, Di Somma, Piga, Criscimanni, De Ponti, Vignola, Juary (1' st Ugolotti)

Allenatore: Vinicio

ARBITRO Lattanzi di Roma

RETI 4' De Ponti 7' st Sella 28' st Valente

NOTE Spettatori 12563

L'AVELLINO 1980-1981

Scontro diretto per la salvezza e subito colpaccio dell'Avellino già brillante in estate. De Ponti segna subito un gol splendido su punizione di Valente poi Sella pareggia su cross di Iachini ma Valente dopo una bella sgroppata indovina il tiro della vittoria nel sette. Il Brescia paga l'inesperienza.

CLASSIFICA

INTER 2

FIORENTINA 2

ROMA 2

TORINO 2

CAGLIARI 1

JUVENTUS 1

NAPOLI 1

CATANZARO 1

BRESCIA 0

ASCOLI 0

COMO 0

PISTOIESE 0

UDINESE 0

AVELLINO -3

BOLOGNA -3

PERUGIA -5

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194