Voglia di storia

La Torre Eiffel doveva essere costruita a Barcellona? breve indagine su un falso storico

Se fate un giretto sui vari siti che presentano la città di Parigi on line troverete ovviamente molto materiale sulla Torre Eiffel (ci pare anche logico). Una delle notiziole riportate più frequentemente è quella secondo la quale Eiffel aveva proposto inizialmente la sua torre alla città di Barcellona e solo dopo il rifiuto catalano aveva ripiegato su Parigi. Una notizia indubbiamente curiosa e che attira.

Bene, partiamo da qui per approfondire la questione ma anche per cercare di far passare il messaggio sullo "spirito critico" che ci vuole ogni volta che si legge una notizia (specialmente quando appare fuori dall'ordinario). La cosa infatti ci ha incuriosito e abbiamo deciso di andare a fondo.

Come si fa a controllare se è vero? Data l'epoca storica (anni ottanta dell'ottocento) e la tipologia di notizia (era sicuramente una novità importante per l'epoca, una di quelle cose di cui parlano i giornali) il metodo migliore secondo noi è provare per prima cosa a consultare i giornali di quel periodo.

Paul Renouard (1845-1924). Due operai della Torre Eiffel

Barcellona ha fra i suoi giornali "La Vanguardia", giornale molto venduto e che è nato nel 1881. Esisteva quindi già negli anni della costruzione della Torre Eiffel, progetto partorito qualche anno dopo.

La Vanguardia, essendo di Barcellona, ha ovviamente il vantaggio della "località": nel 1881 e negli anni seguenti il giornalista locale era in contatto con le autorità e poteva apprendere più facilmente notizie di questo genere rispetto a un giornalista di altre nazioni

Ebbene, abbiamo scoperto che nel 2009 un giornalista spagnolo, Lluis Permanyer, ha studiato l'emeroteca del giornale, cioè la raccolta storica dei numeri di ogni epoca riportando le conclusioni nell'articolo "È vero che la Torre Eiffel avrebbe potuto essere a Barcellona?"

Lluís Permanyer (facebook)

Cosa ha scoperto Permanyer? Semplice... Eiffel ha firmato l'accordo con Parigi il 30 marzo 1885 (precisiamo: Parigi doveva ospitare l'esposizione universale, diciamo l'Expo dell'epoca, la torre serviva per dare lustro all'evento), Barcellona (che ha ospitato a sua volta in quegli anni una edizione dell'esposizione universale) ha ufficializzato la scelta di ospitare la fiera il 18 giugno 1885 (firmando l'accordo con gli organizzatori in quella data)

Insomma, Eiffel ha firmato con Parigi quando Barcellona ancora non aveva deciso di ospitare l'expo. Questo rende molto, molto improbabile una proposta di Eiffel a Barcellona antecedente quella a Parigi.

La costruzione de la Tour Eiffel di Boyer Viollet Art Print Poster

Non solo. Barcellona per la sua fiera esaminò due progetti di torri simili alla Eiffel ma che niente avevano a che vedere con la torre parigina: una proposta del francese Lapierre e una del catalano Pere Falques. Le due torri furono presentate anche su La Vanguardia dell'epoca e anche sul giornalino ufficiale dell'esposizione Universale anche se alla fine non furono realizzate. Questo fatto potrebbe avere ingenerato confusione fra torri facendo pensare che Eiffel avesse avuto un ruolo con la sua torre nella storia di Barcellona.

Torre Condal, progetto di Pere Falqués (1887)

SUGO DELLA STORIA Sulla base di questo studio di Lluis Permanyer appare davvero improbabile che Eiffel abbia proposto la sua torre a Barcellona prima che a Parigi: lo dicono gli elementi di prova e il buon senso (per esempio non esiste nessun documento ufficiale che attesti la proposta di Eiffel a Barcellona). Significa che non sia davvero successo? In realtà un ricercatore scrupoloso dovrebbe approfondire ancora per esserne certo (più si cerca in profondità meglio è, ma non è il nostro lavoro, noi siamo divulgatori, lasciamo agli storici questo compito).

Allo stato dell'arte attuale però è sbagliato dire che Eiffel ha proposto la sua torre a Barcellona per primo (occorrono prove per sostenerlo: attenzione, se qualcuno dovesse trovarle la notizia diventerebbe confermata, il punto non è avere dogmi ma pretendere prove a supporto di una affermazione che può essere corretta... se provata appunto!)

Il progetto di J. Lapierre

Eppure, moltissime fonti anche degne di rispetto riportano la notizia. Il punto è che passando di fonte in fonte e allontanandosi dalla fonte originaria una notizia può deformarsi perfino al di là della volontà di chi la riporta

Per questo motivo è sempre fondamentale approfondire, avere spirito critico, usare il buon senso prima di credere ciecamente. C'è un qualcosa che può aiutare a valutare la credibilità? Sì, esiste: le fonti. Riportare le fonti di una notizia aiuta a far capire come si è arrivati a quella notizia e a valutarne l'attendibilità. Vi invitiamo perciò a valutare e cercare sempre le fonti di ogni notizia

Per questo motivo ci stiamo sforzando di mettere sempre le fonti usando il primo commento di ogni post (ci spiaceva inserirle nel post direttamente per motivi estetici ma ora abbiamo trovato questa soluzione e ci permette di risolvere il problema estetico).

 

 

Voglia di... è un iniziativa editoriale di
Alexandro Deblis Everet Editore
Via Solferino, 4 - Cremona
Direttore Responsabile: Fabio Tumminello
Registrazione al Tribunale di Cremona
n°616/2019 del 26 marzo 2019
Provider: Serverplan
Partita IVA: 01653460194

Consulta la Privacy Policy